Atletica in Umbria » Parliamo di corse e non solo » costo gare
corridore
Inviato il 09/12/2010 14.46.10
  Sinceramente 8€ per una gara sono troppi!!!!!
che ne' pensate?

faxx
Inviato il 09/12/2010 15.46.10
  Caro vita e Caro gare ...

Direi che a questo punto il problema del costo delle iscrizioni, soprattutto in questo periodo di vacche magre se non magrissime debba essere preso in considerazione dagli organizzatori. Leggendo le critiche espresse verso l’Invernalissima, ma anche verso la gara di Morgnano e altre ancora nel recente passato vorrei dire un paio di cose. Per come la vedo io, tentare dei paragoni tra la realtà podistiche diverse è abbastanza difficile e spesso anche fuorviante. Se mettiamo a confronto le nostre gare tra di loro o addirittura con gare tipo la Roma Ostia, io non credo che il risultato del confronto sia significativo. Ogni realtà ha la sua storia, ci sono organizzatori più o meno bravi, ci sono sponsor più o meno munifici, ci sono le amministrazioni locali che hanno più o meno a cuore le manifestazioni e di conseguenza le sovvenzionano/agevolano. Queste cose fanno la differenza. Qualcuno riesce a contenere i costi in 5/6 euro, qualcuno ce la fa con 8, qualcuno con 10. Ho voluto premettere questo proprio per far capire a tutti, organizzatori per primi, che io sono perfettamente cosciente che organizzare gare è difficile, faticoso e soprattutto non remunerativo. Veniamo alla gara di Morgnano. Prendo spunto dalla prima parte del post di anonimo, che non condivido nel modo più assoluto, anche se poi alla fine sarò d’accordo con lui. Dire "abbiamo pagato 8 euro per ricevere 1 bottiglia di vino e mezzo chilo di pasta" non si può nemmeno commentare, ritorniamo al discorso che se si voleva spender meno si poteva andare al supermercato. La seconda parte invece riguardante l’assenza di segnalazioni e quindi anche il post di Fabio con riferimento agli incroci, sono il motivo, secondo me, per cui 8 euro sono una cifra spropositata. Io con 8 euro acquisisco il diritto a poter correre una gara secondo un regolamento e “in sicurezza”. Alla fine della gara ho diritto ad un premio se raggiungo una determinata posizione in classifica e se previsto dagli organizzatori. Altra cosa che io vedo come un mio diritto sono i punti di ristoro lungo il percorso in base alla lunghezza della gara e al buon senso, così come un minimo di ristoro finale, che per me potrebbe anche voler dire semplice acqua fresca e un po’ di frutta d’estate o un bicchiere di tè caldo e un pezzo di crostata d’inverno. Potremmo discutere su spogliatoi e docce, secondo me dovrebbero esserci, ma mi rendo conto che logisticamente la faccenda è complicata. Tutto il resto, pacco gara compreso è un regalo che mi fanno gli organizzatori e in quanto regalo lo accetto per come è. Questo è quanto. Ma se mi ritrovo a correre lungo un percorso, non segnalato, aperto al traffico e con incroci non presidiati, allora 8 euro sono troppi, perché in ultima analisi gli organizzatori non sono in grado di darmi nulla di diverso da quello che potrei avere andandomene a correre una mattina lungo quel percorso, per i fatti miei. Che poi il discorso non verte tanto sugli 8 euro o sui 5 euro, verte sul fatto di andare a correre o a fare altro. Io la vedo così, se mi fanno correre in mezzo alle macchine e poi alla fine mi danno lasagne, porchetta frutta dolce e caffè … la gara è comunque una brutta gara, costa troppo e sinceramente me ne frego se gli organizzatori hanno speso 1500 euro per il ristoro finale. Per l’Invernalissima il discorso è diverso. In questa gara spogliatoi, docce, percorso chiuso, ristori, rilevamento elettronico dei tempi e tutto quello che appartiene ad una gara “top” sembrerebbe esserci, o almeno gli organizzatori dicono che ci sarà per cui dovremmo parlare di una manifestazione ben organizzata. Se le critiche riguardano solo il pacco gara, allora non hanno motivo di esistere, così come non ha senso il confronto con una gara che fa meno della metà degli iscritti, che è oggettivamente più facile da gestire. Però 18 euro sono tanti, davvero tanti, mi viene da dire troppi. L’invito mio agli organizzatori è quello di fare i salti mortali per cercare di contenere i costi che devono sostenere i podisti, meglio 2 ingaggi in meno e di conseguenza una classifica finale meno “prestigiosa”, che 1 euro in più come iscrizione. E’ solo un esempio per dire che lo sforzo degli organizzatori dovrebbe essere mirato prima a questo e poi a tutto il resto. Per completezza però va detta anche un’altra cosa. Nel 2004 tra 10 e 21 km hanno fatto 852 classificati, nel 2005 975, nel 2006 1120. Poi hanno deciso di togliere la 10 e nel 2008 hanno fatto 966 classificati e nel 2009 978, ( nel 2007 0 classificati … ma questa è un’altra storia ). Insomma, i numeri stanno dando ragione agli organizzatori e se andate a vedere il costo dell’iscrizione è sempre andato crescendo (al limite invariato, ma non credo sia mai sceso) per cui possono sempre dire che la gente gli sta dando ragione, nonostante i nostri brontoli su questo forum ( ma anche su facebook o al percorso verde ).

18 euro per la più prestigiosa gara umbra sono a mio avviso troppi. La correrò solo e soltanto perché ho chiesto al mio presidente di iscrivermi senza informarmi sul costo.

Scusate la lunghezza, ma era da ottobre e mi sono fatto prendere la mano, forse.

Andrea Fadda

Botto60
Inviato il 09/12/2010 19.22.27
 
CITAZIONE (faxx del 09/12/2010 15.46.10):

Caro vita e Caro gare ...

Direi che a questo punto il problema del costo delle iscrizioni, soprattutto in questo periodo di vacche magre se non magrissime debba essere preso in considerazione dagli organizzatori. Leggendo le critiche espresse verso l’Invernalissima, ma anche verso la gara di Morgnano e altre ancora nel recente passato vorrei dire un paio di cose. Per come la vedo io, tentare dei paragoni tra la realtà podistiche diverse è abbastanza difficile e spesso anche fuorviante.


Ottimo intervento. Congratulazioni Faxx!



 





Servizio FREE offerto da www.chatexpert.it - forum, chat, guestbook gratis per il tuo sito: clicca qui

Links utili: LiveHelp® live chat - SOSTANZA®