Atletica in Umbria » Parliamo di corse e non solo » Discussione (momentaneamente) sospesa
Annibale Barca
Inviato il 02/03/2011 18.51.17
  Caro Andrea, forse nel caso dell'aggettivo "incivile" non ci siamo capiti bene e, per ora, direi di sospendere il giudizio, anche perchè non potendo più avere i post cancellati sotto mano è arduo argomentare.
Altra cosa è quanto mi è stato scritto da Peppe -e ti prego di rileggere il testo-. Mi si accusa, più o meno implicitamente, di fomentare dissidi con la formula che usavano i maestri della scuola di una volta "è colpa tua perchè ti trovi sempre in mezzo". In più, e la cosa mi appare ancor più grave, mi si invita a limitare il numero degli interventi, evidentemente considerando fastidioso il numero degli stessi. Continuo a ritenere inaccettabile, perchè lesivo della mia libertà di scrivere quello che penso in termini civili, un tale appunto da chi riveste il ruolo di arbitro.
Vorrei che si cercasse di convincermi del contrario.

Annibale Barca

Annibale Barca
Inviato il 02/03/2011 19.05.58
  Caro Peppe, il fatto di ricordarci che sei il padrone di questo sito non ti da il diritto di intervenire a casaccio, censurando chi cerca di portare avanti una civile discussione e chiamando scorrettamente per nome chi vuole usare uno pseudonimo.
Nel caso specifico, mi sono permesso di avvalorare la tesi di un amico contrario allo scambio dei pettorali nel corso di una gara (illecito che, in casi estremi, potrebbe configurare responsabilità extra-sportive). Lo abbiamo fatto in termini civili. Per tutta risposta qualcuno, esprimendo un incomprensibile risentimento, ha cominciato ad usare nella discussione insulti ed epiteti, esprimendosi in modo chiaramente incivile.
A fronte di ciò, i moderatori hanno pensato bene di cancellare l'intera discussione, accomunando nel malcostume verbale chi ha insultato e chi tali insulti ha ricevuto.
Questi sono i fatti, ai quali si risponde con la minaccia padronale di chiudere il sito.
Concludo ricordando che nella nostra società esiste sempre un livello superiore a cui ci si può rivolgere quando si ritiene di aver subito abusi, anche verbali.
Insultare una persona di cui si conosce l'identità e svelarne parzialmente la stessa è uno di questi.
Non sono tipo da restare passivo di fronte a lesioni simili.

Annibale Barca

fausto
Inviato il 02/03/2011 22.15.17
  grafomania: "bisogno morboso di scrivere" (Sabatini - Coletti, Dizionario della lingua italiana).
Fausto Orioli

1 


 





Servizio FREE offerto da www.chatexpert.it - forum, chat, guestbook gratis per il tuo sito: clicca qui

Links utili: LiveHelp® live chat - SOSTANZA®